Rosario Puglisi

Tabula Rasa

date » 24-02-2014 16:33

share » social

E' un grosso cartellone pubblicitario che incontro andando fra le terre. In verità molto brutto, ma quel pomeriggio con la luce del sole al tramonto che lo colpiva direttamente attirò la mia attenzione. Brandelli di un vecchio manifesto si inframmezzavano a parti di lucido metallo che brillava sotto i raggi del sole. Aveva perduto parte della sua innata bruttezza. I suoi bagliori attiravano l'attenzione distogliendo lo sguardo dell'osservatore dalla campagna altrettanto brutta che lo circondava. Così volli fotografarlo, lucente e circondato dal buio quasi assoluto. Lo associai subito alla "tabula rasa", alla tavoletta di cera cancellata che gli antichi romani usavano per riscriverci sopra. Sapevo che è impossibile cancellare una tavoletta/mente talmente bene da ripartire da zero, ma ci potevo sempre tentare. Del resto, un viaggio inizia sempre con qualcosa di nuovo che si sovrappone ai brandelli della memoria passata che sono rimasti. Ideale questo cartellone per il concetto che volevo esprimere.

Link
https://www.rosariopuglisi.it/tabula_rasa-d2549

Share link on
CLOSE
loading